Cinque libri che ho riletto

Io rileggo. Rileggo a volte più di quanto legga. Cosa voglio dire?
Che spesso – molto molto spesso! – riprendo in mano quei romanzi che mi hanno dato tantissimo, per rituffarmi tra le loro parole, alla scoperta di nuovi particolari e mille sensazioni.
Oggi vi voglio parlare dei cinque libri che ho riletto più volte negli ultimi anni, da Laura Mercuri a Virginia Bramati, passando per la mia osannata Amabile Giusti.

E la scelta made in Italy, come potete già notare, non è per niente casuale…

 

Cuore nero di Amabile Giusti
Un continuo vorticare, un continuo danzare al ritmo di una musica architettata a dovere: niente invero è lasciato alla sorte.

Lei –  una trottola dalle mille colorazioni – ha inondato con il suo brio l’esistenza di un lui centenario, troppo macho all’apparenza per ammettere la propria attrazione. Due antitesi perfette, vero?!
La poetica scrittura di Amabile Giusti poi è incalzante e ci invita a divorare la sua opera in unico lungo sospiro.
Cuore nero ha sempre il potere di far volare la mia fantasia e la mia voglia di riflettere. Mi ha portato a meditare sulle tematiche quotidiane come la morte, l’amicizia, la famiglia, il sesso. Perché Cuore nero è vita.
Dentro Giulia infatti c’è un piccolo frammento di noi: la ragazzina che sta sbocciando e che non coglie i cambiamenti, la studentessa che si avvicina al momento più critico della sua carriera scolastica (i famigerati esami di stato!), la figlia maggiore che bada e sopporta gli stati d’animo di una madre divorziata, ma soprattutto una mademoiselle innamorata che combatte per il suo eroe.
Insomma, Amabile Giusti è riuscita a dar voce alle nostre coscienze.

 

Ogni tuo silenzio di Laura Mercuri
Bren è il paesino dove la giovane Emilia si trasferisce, alla ricerca di un po’ di serenità. Ed è proprio qui che comincia la sua seconda vita, tra gli sguardi diffidenti dei paesani e la compagnia di Aris, il suo falegname dal fascino introverso.

Laura Mercuri descrive un doloroso scorcio di vita, con personaggi che son ben progettati: la scrittura matura, esperta nel delineare lo svolgere degli eventi, dipinge gli scenari di un’Italia in “miniatura”, tra pettegolezzi e stranieri che giungono dal nulla.
È tutto studiato, di pagina in pagina, fino a giungere a un epilogo ineffabile.
Ogni singolo tassello trova il suo posto, ogni ombra scorge la luce e svanisce nel nulla.

Ogni tuo silenzio non è romanzo rosa, ma un arcobaleno di emozioni e colori che non smettono di variare. Emilia e Aris scavano nel profondo del lettore, raccontandoci la realtà, senza illuderci o abbagliarci, in un connubio di tenerezza e una stretta al cuore.

 

Meno cinque alla felicità di Virginia Bramati
Costanza lascia la sfavillante New York, dove lavora come giornalista, e torna a Verate per le festività.

Mai avrebbe però immaginato l’epilogo – tenero, scoppiettante, da brividi, esilarante, romantico e così fino all’infinito! – di questo suo viaggio.
I personaggi di Virginia Bramati sono vividi, forti, ironici. Sono umani, per niente stereotipati: rappresentano difatti ciò che noi stessi pensiamo e diciamo.
Ciò credo sia il fiore all’occhiello del suo romanzo.
L’autrice gioca con le parentesi, con l’audacia di un amore sbocciato nel candore natalizio. Non c’è spazio per la sofferenza, anche perché gli schiamazzi di una bimba e lo starnazzare delle oche riempiono l’anima, la stessa in cui echeggia la voce di chi ormai non c’è più.
Virginia Bramati si fa conoscere con genuinità, con un ottimo stile letterario, si lascia andare e ci travolge nel suo vortice rinfrescante.
Meno cinque alla felicità è un libro che deve essere letto.

 

Albion di Bianca Marconero
Marco vive in una bolla di formalità e, per volontà del padre, viene spedito all’Albion College: qui – tra regolari, borsisti, tanti segreti,
amicizia e magia – il suo carattere sarà messo a dura prova.
Lo stile di Bianca Marconero è formidabile, compatto, mai dispersivo, nonostante le quasi quattrocento pagine.
Il ritmo è continuo, privo di punti morti, tanto vivo da incalzare la lettura. L’autrice è stata capace di scrivere di giovanissimi, senza però cadere nel sentimentale che spesso ormai troviamo negli young adult di genere fantasy.
C’è un approfondimento psicologico accattivante, dalla gotica Darlin/Samira all’altruista Erek.
Il quid che mi ha totalmente conquistata, da storica quale sono stata e comunque sarò sempre, è la meticolosità della parte appunto storiografica che si denota di riga in riga: dalle descrizioni degli ambienti alle materie citate, ma soprattutto il fatto mitologico che attinge dal ciclo bretone.

 

La casa di tutte le guerre di Simonetta Tassinari
Due piccole eroine, un unico affetto, tra memorie che sanno di antico e magico. La casa di tutte le guerre, edito Corbaccio, è un romanzo che apre gli occhi al lettore. Un romanzo che, nella sua profondità morale, decanta con maestria quanto la diversità – di ceto o caratteriale – possa essere un collante tra anime affini.

È una storia dalle note malinconiche, equilibrata tuttavia dalla spensieratezza di due bimbe che imparano a coesistere in un universo speciale e genuino.
La genialità di Simonetta Tassinari sta, non solo nella caratterizzazione bilanciata e antitetica dei personaggi, ma persino nell’ambientazione temporale.
Credo che, i mitici anni Sessanta, diano al romanzo un qualcosa in più: il lettore non potrà che rimanere affascinato dall’epoca delle prime minigonne e della beat generation, passando per il lancio dell’Apollo 4 dal Kennedy Space Center, giungendo ai margini delle rivolte giovanili del ’68.
Simonetta Tassinari emoziona con una scrittura sciolta, diretta, parla col cuore in mano e con la purezza delle sue bambine di carta.

 


Quali sono i romanzi che rileggete spesso?

  • Rachel (14 settembre 2017)

    Confesso: mi mancano tutti! Ahah … Prima o poi riuscirò a rimediare! Forse … 😛

    • Rosy Milicia (15 settembre 2017)

      Spero che ci riuscirai davvero, perché sono libri belli e molto molto diversi tra loro, per storia e stile. 🙂

LASCIA IL TUO COMMENTO

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Potrebbero anche interessarti

Ecco altri articoli simili a quelli letti di recente!

error: