• ebhd-24_78w8gbi4
  • elleLR-0027
  • elleLR-0049
  • elleLR-0099
  • ebhd-23_3a9ul0r4
  • elleLR-0056

Confessioni di una band

Rock, canzoni che sono delle vere e proprie storie, testi fenomenali. In poche parole: gli ElleBorn.
Sono una band tutta italiana creata da Elle e Lucio De Angelis nel 2015, a cui per un po’ ha anche fatto parte Giovanni Dominici, al quale poi è succeduto Simone Fedele.
Toccano il cuore con note e parole, sfiorando l’epico e scalando le classifiche.
Hanno una carica pazzesca e voglia di farsi conoscere…

E siamo qui proprio per questo!

 

Elle, Lucio e Simone. Per primissima cosa: vi va di presentarvi e dirmi un vostro difetto?
«“Ciao, siamo Elle, Lucio e Simone e siamo perfetti!”.» Ridendo. «Sarebbe bellissimo poter rispondere così, ma ovviamente ne abbiamo e molti. Se proprio dobbiamo citarne uno a testa diremmo: “estremamente impaziente” per Elle, “estremamente lento” per Lucio, “estremamente altalenante” per Simone.»

Suonate assieme da circa un anno e mezzo, ma c’è una sintonia incredibile tra di voi. Qual è il vostro segreto?
«Non ci sono segreti: quando si ha la stessa passione e lo stesso obiettivo, si parte subito con carica, e la sinergia si crea da sé.»

È stato difficile trovare l’equilibrio, dopo che Giovanni Dominici ha lasciato la band?
«È stata un’impresa titanica. Innanzitutto trovare la persona adatta agli ElleBorn. Quello che serve al gruppo non è un semplice chitarrista, ma qualcuno che sappia suonare anche il synth: non tutti i chitarristi sono disposti a scendere a patti con questa cosa. Bisogna anche dire che trovare musicisti volenterosi per intraprendere un percorso con brani originali è sempre più difficile. La gente vuole tutto e subito, la classica pappa pronta, ma non è così che si raggiungono grandi obiettivi. Occorre lavorare e tanto.»

Elle: com’è stato cantare sul palco di Deejay On Stage nel 2016?
«È stato bellissimo, c’era una fiumana di gente.» Ride. «Più che altro, cantare e suonare su quei palchi ti fa capire la differenza enorme tre la gestione e la professionalità degli addetti ai lavori, rispetto a quella dei piccoli pub o eventi che una band emergente riesce a trovarsi da sola. Questa sensazione ci ha sicuramente stimolati ancora di più ad andare avanti per arrivare fin lì in pianta stabile.»

Avete una “filosofia musicale”?
«La nostra filosofia musicale è quella di emozionare prima l’ascoltatore che è dentro di noi, per poi colpire anche gli altri che a loro volta ci ascoltano. L’emozione che esplode dentro è la chiave per il successo, in qualsiasi campo.»

Di cosa parlano i vostri testi?
«I nostri testi parlano di esperienze vissute da noi e da chi ci sta intorno. Tutto ciò che ci tocca forte l’anima lo riportiamo in musica e nelle nostre parole, cercando di renderlo comprensibile a livello di concetto per il pubblico che ci segue.»

Com’è nato il singolo Renaissance, primo nella classifica ascoltatori su Radio Rock 106.6?
«Renaissance è stato uno dei primi brani che abbiamo scritto. Tratta il tema della terra e di tutto ciò che l’essere umano le sta combinando da un po’ di tempo a questa parte, senza rendersi conto che in realtà tutto questo male torna sempre e comunque al mittente. Nel brano, è proprio la terra che parla in prima persona lanciando un grido di aiuto. C’è anche un video su YouTube in cui la Terra è rappresentata dalla bravissima veneta ballerina e coreografa Alexandra Foffano.»

 

 

Vogliamo parlare di Jasmine?
«Jasmine parla invece del difficilissimo rapporto genitori-figli. In questo caso di una bambina che cerca di spiegare al suo papà di quanto avrebbe bisogno di tutte le cose belle e di tutto l’amore che lui ha nel cuore, ma che fa difficoltà a far uscire.»

E del video di Jasmine?
Una canzone melanconica con un visual concept che, personalmente, mi ha riportato alla mente la musica british a cavallo fra gli anni Sessanta e Settanta: verde sconfinato, la mimica gestuale di Elle, alcune riprese…
«Il video è stato girato nei pressi di Avezzano da Francesco Di Cicco (anche lui grande musicista e ideatore del format Afternoon in Music). Abbiamo scelto dei posti meravigliosi per far risuonare le note di Jasmine in un’aria bucolica di serenità, che il pezzo in effetti richiama. È stato davvero molto bello e vi invitiamo a guardarlo su YouTube

Quali sono i vostri progetti futuri?
«Per ora ci stiamo concentrando sulla promozione, sia web che live, del nostro disco Just A Grain Of Sand, uscito a settembre di quest’anno. Inoltre stiamo lavorando sull’EP che abbiamo vinto nel contest Contatto Diretto a luglio – condotto da Fabio Villanis e in collaborazione con Nuovo Imaie, All Music Italia e molti altri addetti ai lavori del mondo della musica e della discografia –, dal quale poi verrà girato un altro video, vinto sempre grazie al contest. Il tutto verrà distribuito da Believe Digital: non vediamo l’ora di farvelo ascoltare.»

Anche noi non vediamo l’ora di ascoltarlo.
Grazie per esser stati miei ospiti!
«Grazie a te per la disponibilità e le tue domande. A presto!»

 


Confessioni di… è la nuova rubrica in cui vi parlerò di realtà interessanti e personaggi particolari, senza cadenze o schemi, ma nella totale libertà – appunto! – delle confessioni.

LASCIA IL TUO COMMENTO

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Potrebbero anche interessarti

Ecco altri articoli simili a quelli letti di recente!

error: