Recensione: “False identità” di Lisa Scottoline

Quelle volte in cui ti ritrovi in mano un romanzo e credi di aver capito tutto dalla trama e dal primissimo capitolo…
Quelle volte in cui ti trovi in mano un romanzo e ti rendi conto, dopo il secondo e terzo capitolo, di aver capito di esserti sbagliata…
False identità è un romanzo furbo, di quelli che sanno girare bene le carte in tavola, tanto da confonderti e far deragliare i tuoi pensieri.
Ammetto che è la prima volta che leggo un’opera di Lisa Scottoline – questa è l’estate delle autrici thriller inedite per me: come Louise Jensen (La sorella, Sperling & Kupfer) per esempio – ed è stato amore a “prima lettura”.

Un’autrice capace di intrecciare una trama quasi corale con ineffabile bravura, piantando nei propri lettori il seme del sospetto. Inizi infatti a dubitare di tutti i personaggi, a dubitare di quei cittadini apparentemente perfetti di Central Valley, sicuro infine di puntare la tua scommessa sul più losco dei loschi: Chris Brennan.
Passi da una fase uno a una fase due, sino a una terza, avido di conoscenza.

Vuoi sapere chi è il vero “cattivo”, cosa sta davvero succedendo, perché sta succedendo.

 

Lisa Scottoline si è dimostrata una scrittrice dalla penna d’oro per stile ed empatia. Niente in vero è lasciato al caso, niente è fuori posto: ho apprezzato molto la sua capacità di scivolare da un personaggio all’altro, mentre ne delineava la psicologia senza lesinare particolarità e sentimenti, in un plot che – a mio avviso – nulla ha di scontato.
False identità si può realmente riassumere nella frase che troviamo in copertina: «la bugia perfetta è quella che racconti a te stesso». Ed è stata il mantra che mi ha accompagnato per l’intera lettura, dandomi un’ulteriore visione e interpretazione del libro.
Credo, in effetti, che ci sia una lezione morale molto profonda in False identità.
Non solo quindi un thriller che appassiona la mente, ma anche un insegnamento di vita quotidiana, nella quale spesso usiamo mille maschere e, a conti fatti, abbiamo difficoltà a riconoscere il nostro vero volto.
Consiglio False identità? Sì, sì, sì. Inoltre mi è venuta voglia di leggere altri scritti di Lisa Scottoline – Ogni quindici minuti, per esempio, è entrato con prepotenza nella mia lunghissima lista di libri da leggere –, approfittando magari delle nuove offerte del gruppo Fanucci.
In conclusione: un thriller esplosivo, capace di incuriosirvi e poi dirottarvi… perché niente è come sembra e le apparenze sono solo specchietti per le allodole.

 


 

Titolo: False identità
Autore: Lisa Scottoline
Editore:
TimeCrime
Prezzo: € 4,99* – € 14,90
Pagine: 301

*IN OFFERTA A € 1,99 FINO AL 30 AGOSTO 2017

A Central Valley la vita scorre lenta e serena come al solito, o almeno questo è ciò che sembra. Paul, Mindy e Evan Kostis sono appena tornati dalla vacanza alle Cayman, Susan Sematov, dopo la morte del marito, continua a prendersi cura di Raz e Ryan, e Heather Larkin dedica ogni sua attenzione all’amato figlio Jordan… Niente, insomma, sembra destabilizzare la tranquilla quotidianità degli abitanti della piccola città, finché l’arrivo di un nuovo insegnante, Chris Brennan, non sconvolge completamente le loro esistenze. Sulla carta Chris sembra essere impeccabile, le sue referenze sono ottime, ma ogni cosa che lo riguarda non è che una colossale bugia e i suoi progetti sono tutt’altro che buoni. A farne le spese saranno soprattutto Jordan, Evan e Raz, su cui il nuovo professore punta fin dall’inizio per portare a termine il proprio piano. Quando però la sua falsa identità verrà rivelata, le vite dei tre ragazzi e delle loro famiglie non saranno più come prima… Perché quell’uomo è a Central Valley? E quali sono le sue vere intenzioni?

 


 

 

LASCIA IL TUO COMMENTO

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Potrebbero anche interessarti

Ecco altri articoli simili a quelli letti di recente!

error: