Recensione: “Dopo tutto sei arrivato tu” di Karine Kalle

A CURA DI JUDY ABBOT – POSSIBILI SPOILER

 

Il mondo della recitazione è un qualcosa che va oltre i paparazzi, la Hollywood walk of Fame e le premiazioni Oscar.

Prima di cominciare a parlarvi di questo romanzo – che rispetto alle mie precedenti letture è finalmente qualcosa di “leggero” e simpatico, uno di quei libri con cui trascorrere una tranquilla serata o un tranquillo pomeriggio sul divano – voglio fare una piccola premessa sul mondo dello spettacolo.

 

Per comprendere meglio il contesto di Dopo tutto sei arrivato tu, dobbiamo pensare che Londra è la culla del teatro drammatico e, chi vuole entrare a far parte del mondo della recitazione, che sia attore teatrale o di cinema, sa che recitare nei più grandi teatri di Londra è un’opportunità non concessa a tutti.
Finita la mia brevissima premessa, inizio a parlarvi dei protagonisti di Dopo tutto sei arrivato tu: ovvero Alyssa e Emmett.
Devo dire che il prologo mi ha davvero sconvolta. È un piccolo ma importante flashback nel passato di Emmett, della sua non facile fanciullezza, durante la quale subirà un forte shock. Il suo carattere e la sua immaginazione gli impediranno di seguire le orme di chi l’ha messo al mondo, portandolo a diventare un attore famoso.
Essere un attore famoso ha i suoi vantaggi e, soprattutto, i suoi svantaggi: come prima cosa la tua privacy è destinata a essere violata e non sempre da chi vuole un autografo, ma da coloro che ti provoca per poi definirti “attore bullo”.
Questo bellissimo attore, pieno di muscoli e dagli occhi blu, incontrerà a un matrimonio la nostra protagonista, agghindata in uno splendido abito da cerimonia fucsia. Sin dall’inizio, cominciano a beccarsi come cane e gatto e si sa, ai matrimoni, una cosa tira l’altra e i due finiscono in una stanza del locale dove si sta tenendo il ricevimento. Purtroppo l’indomani, le loro foto verranno pubblicate e per risolvere quest’ennesimo “fattaccio”, la PR di Emmett gli consiglia di fidanzarsi per finta con Alyssa in modo da far calmare le acque.
In effetti, questo stratagemma li trova d’accordo (N.d.R. Alyssa accetta di stringere un patto  in cambio di… non vi dirò altro!), e sebbene continuino a pizzicarsi, si sa… è come quando hai davanti una montagna di profitteroles: non puoi resistere!
E così, tra alti e bassi, tra amici di lui e amiche di lei, tra scazzottate, cene, uscite, corse e passeggiate romantiche, la loro finzione si trasforma in qualcosa di più. Che viene reso evidente e trascinante dal duplice POV con cui l’autrice ha scritto il romanzo.
Il finale, vi lascerà col fiato sospeso.
In tutti i sensi.

 


 

Titolo: Dopo tutto sei arrivato tu
Autore: Karine Halle
Editore: Newton Compton Editori
Prezzo: € 1,99 – € 12,00
Pagine: 320

Emmett Hill è un perfetto gentiluomo. O almeno, questo è quello che la sua agente vuole far credere. Considerando che è bello ed estremamente affascinante, non dovrebbe essere un compito troppo difficile. Si tratta solo di riabilitare la sua reputazione, perché negli ultimi tempi Emmett è balzato all’onore delle cronache per risse da bar, scandali e comportamenti poco opportuni. Se non vuole ritrovarsi relegato a interpretare per sempre ruoli secondari, deve rendere più presentabile la sua immagine. Alyssa Martin è insoddisfatta e frustrata: il lavoro che fa è noiosissimo e i suoi appuntamenti sono un fallimento dopo l’altro. Possibile che l’uomo giusto per lei non esista? Quando Emmett e Alyssa si incontrano a un matrimonio, non immaginano che passare la notte insieme cambierà la loro vita. La stampa, infatti, è entusiasta della “brava ragazza” immortalata insieme all’attore, e gli agenti di Emmett premono perché la relazione vada avanti, anche solo per finta. Peccato che, fuori dalla camera da letto, i due siano come cane e gatto…

 


 

 

LASCIA IL TUO COMMENTO

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Potrebbero anche interessarti

Ecco altri articoli simili a quelli letti di recente!

error: