Recensione: “Gone. Un bacio è troppo poco” di Tania Paxia

Come reagire davanti a quella verità che cerchi da sempre? Cosa provare quando scopri che quella verità l’hai avuta per un bel po’ sotto il naso? Ti sentiresti deluso e tradito, se a nasconderti quella verità sotto il naso, fosse la persona di cui ti stai innamorando?

Frankie si trova davanti a questo bivio e, senza pensarci, scappa da questo bivio.

 

Lascia New York, lascia il suo mondo di chitarre e note. Va a Chicago, lavora come cameriera: non risponde mai alle telefonate di chi le vuole bene.
È confusa, arrabbiata, sola. Non sa cosa fare e non sa cosa vuole. È a volte egoista, a volte immatura, però pensa. Pensa a quanto le manchi la sua vita, il suo nuovo ragazzo, a quante bugie sua madre le ha rifilato e a chissà quante cose ancora le deve raccontare.
Jayden, dal canto suo, affronta il distacco e il silenzio con una malinconia che lo spinge a scrivere altre canzoni. Che lo spinge a tenere duro, forse a cedere, infine a riprendere il controllo di sé.
Gone. Un bacio è troppo poco, secondo capitolo della serie Liar Liar di Tania Paxia, edita Newton Compton Editori, è un passo a due a chilometri e chilometri di distanza. Una danza fatta di due ragazzi che continuano le proprie esistenze, che cercano la propria crescita interiore, pensando a chi amano e pensando a cosa vogliono dal futuro.
Una scelta azzardata quella della Paxia, una scelta che forse non piacerà a molte lettrici, ma è una scelta che funziona. Conosciamo i due protagonisti sotto un’altra luce, conosciamo altre loro piccole sfaccettature. C’è poi l’amicizia e la famiglia, l’amore messo alla prova. I difetti e i pregi della realtà su carta e inchiostro.
Ripeto, un azzardo scrivere un romance in cui la coppia è distante, in cui s’incontra a poche pagine dal finale, dopo coincidenze che non coincidono, però funziona. Ti lascia in gola la domanda: «Adesso che succede?». Sì, carissima Tania Paxia, adesso che succede? Ci porterai in tour con quel figo di Jayden? Ci farai scoprire finalmente cosa significa il tatuaggio Liar Liar?
Dobbiamo aspettare l’autunno per scoprire i prossimi passi di Frankie e Jayden. Be’, non so voi, ma io sono già pronta: tazza di tè in mano, coperta con le costellazioni fluorescenti sulle ginocchia e il mio bianchissimo Kindle con la batteria al massimo. Sento già una canzone bluseggiante arrivare da lontano…

 


 

Titolo: Gone. Un bacio è troppo poco
Autore: Tania Paxia
Editore: Newton Compton Editori
Prezzo: € 1,99
Pagine: 288

Franklyn Reeves (detta Frankie) dopo aver trovato suo padre, lascia New York con la delusione nel cuore. La scoperta della sua identità, infatti, riporta in superficie le tante, troppe, bugie raccontate da sua madre e da suo nonno, allo scopo di non farla soffrire. Nascondendole la verità per anni, hanno distrutto i suoi sogni.  L’unica cosa che vuole adesso è allontanarsi da tutti, anche da Jayden, seppure lui abbia soltanto la colpa di aver mantenuto un segreto non suo. Il loro è un amore appena nato, ma già destinato a doversi confrontare con una serie di ostacoli: Frankie si trasferisce in un’altra città per provare ad alleviare il senso di smarrimento, dimenticarsi della musica e delle sue chitarre, e inizia a lavorare come cameriera; Jayden vive in Connecticut, ad Hartford, la sua città natale, per stare accanto alla sua famiglia in un momento molto delicato. L’unico modo che ha Jay per comunicare con Frankie è tramite i messaggi in segreteria. Il loro rapporto viene messo a dura prova anche da un vecchio amore di Jayden, Bianca, mentre Frankie è alle prese con un collega di lavoro, Mason, aspirante chitarrista che ha problemi con le esibizioni in pubblico. La distanza, le incomprensioni, i malintesi fanno sì che il loro legame si faccia sempre più sottile e precario, fin quando entrambi hanno il bisogno di un contatto, di sentirsi vicini per non perdersi, anche se lontani. Jay non ha idea di dove sia Frankie e farà di tutto per trovarla. Lei invece vorrebbe raggiungerlo. Le cose, però, non sempre vanno secondo i nostri piani…

 


 PRODOTTO FORNITO DA NEWTON COMPTON EDITORI

LASCIA IL TUO COMMENTO

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Potrebbero anche interessarti

Ecco altri articoli simili a quelli letti di recente!

error: