Recensione: “La trama dei desideri” di Greta Gentili

Alice crede nel destino o, per meglio dire, scrive lettere al destino da quand’era bambina: scrive desideri piccoli, per niente infantili, ma teneri e colmi di speranza, come il desiderio di trascorrere più tempo con il suo papà sempre indaffarato.

Crescendo, nonostante tutto, nonostante la grande delusione che la vita le ha inferto all’improvviso, Alice continua a scrivere al suo caro amico-nemico destino.

 

Eppure, scrivere non basta più, bisogna soprattutto muoversi: per questo diventa «vento» e si trasferisce in un piccolo paesino del Trentino per lavoro. Tutto comincia da qui, da questo minuscolo passo verso il suo destino, un destino che non ha ben chiaro, che però – volontariamente o involontariamente – decide di seguire.
Che cosa accadrà e in che guai andrà a cacciarsi Alice, dovrete scoprirlo voi, leggendo La trama dei desideri: romanzo di esordio di Greta Gentili, autrice giovanissima che si tuffa nel mondo rosa dei libri in punta di piedi e con voce sbarazzina.
La trama dei desideri è un romanzo divertente, spensierato, leggero come il «vento» che ti scompiglia i capelli e non ti aggredisce. Scritto in prima persona e coi POV alternati dei due protagonisti (non vi dico chi è il lui della situazione di proposito!), la Gentili intreccia storia d’amore e di crescita, perché Alice è in cerca di se stessa… non solo dell’anima gemella. L’autrice infatti riesce a incastonare il microcosmo di Alice nel macrocosmo degli altri personaggi presenti nell’opera, dai più piccoli ai più grandi, avvolgendo il lettore in una coperta patchwork di tante storie e tanti sogni realizzati o infranti. In effetti, La trama dei desideri è una sorta di puzzle di vite, vite ancora da vivere per intero e vite vissute per metà, vite che hanno visto mille «panorami» e malgrado ciò vogliono vederne altri mille.
È il libro perfetto per questo periodo (quasi) natalizio, perfetto per le romantiche e le sognatrici, lo è anche per chi come me è un Grinch in gonnella: insomma anche noi affetti da cinismo conclamato abbiamo bisogno di un po’ di zucchero di tanto in tanto… perché La trama dei desideri ha un po’ di tutto. Un po’ del rosa dei glitter e un po’ del verde dei boschi, un po’ di rosso della passione parecchio piccanti e un po’ di bianco della neve. Dal presente al futuro, dal vero amore al perdono, in quanto i buoni sentimenti sono ancora vivi e palpitanti.

 


 

Titolo: La trama dei desideri
Autore: Greta Gentili

Editore:
 Selfpublishing con LCA
Prezzo: € 2,99 – € 10,90
Pagine: 210

Quando tutto ti sfugge dalle mani sembra che la cosa più semplice da fare sia affidarsi al destino. E se invece la soluzione fossi semplicemente tu?
Per tutta la sua infanzia Alice non ha fatto altro che aspettare qualcosa, o meglio qualcuno, e intrattenere lunghe conversazioni scritte con il destino, nel quale riponeva una profonda fiducia e al quale indirizzava tutte le sue preziose liste dei desideri. Ma l’attesa non ha portato a niente di buono, il destino sembra averla abbandonata e per quanto riguarda i desideri… sarebbe stato meglio che alcuni non si fossero mai realizzati.
La voglia di un nuovo inizio e il bisogno di separarsi per un po’ da una madre in piena crisi adolescenziale la porteranno lontana dalla frenesia di Milano, in un piccolo paesino di montagna. Anche se sembra essere approdata nel villaggio delle fate, in principio non si farà ingannare dalla magia della neve. In un susseguirsi di incontri, scontri e nuove esperienze finalmente scoprirà che i problemi sono più facili da superare se si è armati di una buona dose di sorrisi e di alleati.
Ma se una nonna 2.0 e una bambina fin troppo sveglia non basteranno da sole a farle ritrovare la fiducia perduta, potrebbero riuscirci un paio di profondi occhi azzurri, talmente intensi da scaldarle il cuore. Finalmente seduta sull’altalena della vita, Alice prenderà in mano il suo destino, consapevole del fatto che, quando si lascerà andare, due forti braccia saranno pronte ad afferrarla.

 


PRODOTTO RICEVUTO DA LAURA CECCACCI AGENCY

LASCIA IL TUO COMMENTO

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Potrebbero anche interessarti

Ecco altri articoli simili a quelli letti di recente!

error: