Recensione: “Troppo vicino per (non) odiarti” di Johanna Danninger

Un bel ragazzo si trasferisce nella casa accanto alla vostra. Un bel ragazzo con una dolcissima cagnolina si trasferiscono nella casa accanto alla vostra.

Voi come vi sentireste, davanti a un tipetto niente male (gentile, sempre sorridente e con la battuta pronta)? Elettrizzate, no? Eh eh eh!


Già state immaginando una cenetta di benvenuto, vero? Invece cosa va a pensare Susanne Kollmann (molto folle, con la lingua lunga e la paura dei cani)? Be’, la nostra “simpaticissima” protagonista non fa che rimuginare su come poter allontanare il bel ragazzo (alias Jan) e la sua cagnolina. Perché?
Questo non ve lo dico, sarete voi a doverlo scoprire, assieme all’intreccio romantico-non-romantico-ossessivo-compulsivo che si viene a creare intorno alla figura di Rene (l’ex di Susanne).
Troppo vicino per (non) odiarti è un romanzo con una cover sfiziosa, una traduzione ben fatta. Mi è piaciuto il libro di Johanna Danninger? Nì. Che risposta è la mia? Il mix (im)perfetto di sì e no.
L’idea di base – ovvero il rapporto di vicini-nemici-amici – mi aveva entusiasmata, ma? È la protagonista a non avermi per niente conquistata.
È una donna quasi isterica, spesso immatura, impulsiva, capricciosa. In una sola parola: pazza. Forse è un tòpos molto apprezzato dai tedeschi, forse la traduzione seppure grammaticalmente impeccabile non rende appieno l’acume teutonico, di fatto Susanne mi ha solo e semplicemente innervosita.
A dire che c’erano tutti i presupposti per un bel personaggio, uno di quelli che ti fanno sbellicare dalle risate…
Invece Jan l’ho trovato adorabile, soprattutto molto molto paziente, anche sensibile per via del lavoro che fa. La storia è lineare, come lo stile della Danninger, una storia che ahimè spinge l’acceleratore verso il finale, tant’è che girata l’ultima pagina mi son detta: «Tutto qui?».
Vi confesso che è il primo romanzo firmato Amazon che mi lascia completamente con l’amaro in bocca! Lo consiglio o no?
La mia risposta è sempre nì.
Probabilmente potrebbe piacere a coloro che preferiscono dei tòpoi “caratteristici”: per quanto mi riguarda, prediligo personaggi particolari, ma non viziati e infantili, proprio come Susanne mi è parsa sin dai primi capitoli.
Paradossalmente, un punto a favore è questa sua forte caratterizzazione, abbastanza da sembra una persona in carne e ossa, una di quelle persone in carne e ossa che odi o ami.
Mica male in fin dei conti come risultato! 

 


 

Titolo: Troppo vicino per (non) odiarti
Autore:
 Johanna Danninger
Editore:
 Amazon Crossing
Prezzo: 
€ 3,99 – € 9,99
Pagine: 
352

Susanne Kollmann gestisce con successo una piccola agenzia immobiliare e conduce una tranquilla esistenza con la sola compagnia di Charly, un gattone alquanto voluminoso (ma solo perché ha le ossa pesanti!). I due vivono in una grande casa, con un meraviglioso giardino e una fantastica vicina. Fino a quando la morte non si porta improvvisamente via la cara vecchia signora e tutto comincia a traballare.
Rene, ex compagno di Susanne e incaricato della vendita della casa accanto, si è messo infatti in testa di riconquistare l’amore perduto. E quando infine riesce a vendere la villetta, la situazione precipita. Perché il nuovo vicino, Jan, non arriva da solo, ma in compagnia di un delizioso quadrupede… di notevole stazza.
Susanne e Charly non dovranno soltanto affrontare le loro paure ogni volta che proveranno ad avventurarsi in giardino, ma lei dovrà anche barcamenarsi tra le importune attenzioni del suo ex, l’umorismo poco simpatico del nuovo arrivato e i suoi addominali vergognosamente scolpiti.

 


 

LASCIA IL TUO COMMENTO

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Potrebbero anche interessarti

Ecco altri articoli simili a quelli letti di recente!

error: