Review party: “Cuore cremisi” di Amabile Giusti

Quando vedi nascere e crescere un libro, ti senti parte di quel libro, come se tu fossi non solo uno spettatore, ma una piccola comparsa: in una parola in particolare, in un sospiro.

Sei lì, tra le sue pagine, ti tuffi in quell’esatta scena che conoscevi perché l’autrice te ne aveva parlato e tu l’hai immagina e immaginata e immaginata fino a poterla finalmente leggere.

 

Io mi sono sentita – mi sento – parte di Cuore cremisi… perché l’ho visto nascere, crescere, diventare quello che i lettori adesso hanno tra le mani.
Ho letto ogni sua parola mesi fa, quando ancora era un semino, poi un germoglio, infine un fiore rosso e orgoglioso nella notte. Nelle notti in cui l’ho letto e riletto, in cui ho inondato Amabile Giusti di messaggi e audio, di chiacchiere tra amiche.
Sì, siamo amiche, e sono stati proprio Giulietta e Max a farci conoscere.
Sono legata a Cuore nero da fattori molteplici: il 2011 è stato un anno di cambiamenti, viaggi, di sorrisi e pochissimi pensieri. Cuore nero mi ha fatto rinnamorare della letteratura contemporanea, soprattutto di quella fantasy, e mi ha scavato dentro sino alle ossa.
Ha scavato, si è sedimentato. Ho fantasticato sul dopo quell’epilogo.
Poi l’anno scorso Amabile mi ha detto che avrebbe scritto il seguito, che l’avrebbe intitolato Cuore cremisi, che l’avrebbe fatto per noi lettori che le stiamo sempre accanto.
Quanti autori scrivono per i propri lettori? Per ringraziarli con i propri sacrifici?
Amabile Giusti ha scritto per noi, ha scritto con amore e sacrificio, ha creato un romanzo che è indescrivibile: per Giulietta che ti prende lo stomaco, che si mette e ti mette in discussione, per tutte quelle emozioni inanellate l’una all’altra che sanno parlarti.
Io sono cresciuta assieme a lei, in questi anni, in questi mesi, in queste ultime settimane. Mi sono sentita lei, mi sono sentita una minuscola particella di Cuore cremisi perché Amabile Giusti ha il potere di trascinarti con l’anima e la mente nelle storie che scrive. Che sia narrativa o new adult, che sia un romanzo divertente o che ti spacca le costole col dolore di sillabe scritte col sangue.
Lo so, mio caro lettore, so che la mia non è quel tipo di recensione a cui ti ho abituato: ma come potrei scriverne una del tutto disinteressata, se io questo romanzo lo percepisco dentro di me come percepisco dentro di me i miei pensieri?
Amabile Giusti è riuscita a scrivere una storia unica, ricca di colpi di scena, d’amore, di crescita, di ricordi dimenticati e forse ritrovati. Una storia che piange e sorride, che ti pennella lo spirito con i suoi colori a volte cupi e a volte sgargianti.
Cuore cremisi è semplicemente Cuore cremisi, Giulietta è una Giulietta a pezzi, eppure l’amore…
L’amore è un miracolo di carne, respiri, di pelle e odori. Di paure nuove e vecchie. L’amore fa il suo corso e guarisce e ferisce e uccide e risana.
Dovete leggere Cuore cremisi per capire queste mie parole.
Leggetelo.
Fidatevi di me.
Non vi deluderà.  

 


 
Titolo: Cuore cremisi
Autore: Amabile Giusti
Editore: Self-publishing
Prezzo: € 4,99
Pagine: 451

Max è andato via, ma Giulia ricorda poco di lui. Non sa di averlo amato moltissimo, ignora che fosse un vampiro, e gli straordinari eventi vissuti l’estate prima sono scomparsi dalla sua memoria. Perciò, quando si trasferisce a Roma per frequentare l’università, a tutto pensa fuorché all’affascinante mascalzone che le ha fatto battere il cuore. Anche perché all’orizzonte si profila un sentimento inatteso per un nuovo ragazzo non meno attraente e misterioso.
Ma nulla nella sua vita è destinato alla normalità. A un certo punto intorno a lei cominciano ad accadere incomprensibili cose. Qualcuno la osserva, la spia, la pedina. La sua vita è nuovamente in pericolo.
Potrà un nuovo amore rivaleggiare con quello del passato?
E chi vuole farle del male?
Perché si sente come se fosse una preda?
Il mondo oscuro raccontato in Cuore nero ritorna in una storia avventurosa, ricca di colpi di scena, piena di tenerezza e passione, con una protagonista caparbia, senza peli sulla lingua, pronta a tutto pur di non permettere più a nessuno di privarla dei ricordi e della speranza.

 


ECCO IL CALENDARIO DEL REVIEW PARTY!

  • Annarita Calaudi (24 ottobre 2018)

    Attendevo questa recensione con particolare aspettativa e come immaginavo non ne sono rimasta delusa, sia perché amando i romanzi di Amabile Giusti non avrei potuto leggere parole diverse, sia perché le tue Recensioni di “cuore”, Rosy, sono semplicemente vibrazione. Grazie a tutte e due per ciò che scrivete… siete capaci di farmi entrare direttamente in ciò che create e percepite. Grazie.

LASCIA IL TUO COMMENTO

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Potrebbero anche interessarti

Ecco altri articoli simili a quelli letti di recente!

error: