Review party: “Obbligo o verità” di Penny Reid

Chi non ha mai giocato al gioco della bottiglia? Chi non ha mai scelto la verità pur di non cadere nell’obbligo di un amico dispettoso?

I protagonisti di Obbligo o verità forse devono l’inizio della loro storia d’amore proprio a un gioco adolescenziale davanti a un falò. Oppure no. Chissà.

 

Jessica è una ragazza spiritosa, dinamica, una che vuole ripagare il proprio debito universitario e poi vivere di viaggi. Infatti non vuole fermarsi in Tennessee fino alla fine dei suoi giorni, non vuole soprattutto mettere radici, in quanto ha un sogno e vuole raggiungerlo. A ogni costo.
Duane a momenti è la sua antitesi: ha le radici ben piantate tra i fratelli da tenere d’occhio e  l’officina di famiglia. Ha però anche un’eterna cotta per Jessica.
Due anime a loro modo fragili, alla ricerca di un equilibrio, di un’emozione profonda che, tra battibecchi e ricordi d’infanzia, si incontrano e si corteggiano.
Una coppia divertente e romantica, passionale, che non annoia mai. Una coppia che dà quel che ci si aspetta dai romanzi frizzanti come Obbligo o verità di Penny Reid, edito in Italia dalla casa editrice Always Publishing.
Lo stile dell’autrice è snello e veloce, a tratti irriverente, a tratti sensuale, perfetto per una lettura estiva che spazza via l’afa di luglio. Perfetto da leggere dopo romanzi come Per il mio amore, Whisky e Dammi mille baci (tanto per giocare in casa!), poiché capace di incidere sul viso del lettore un sorriso perenne.
Obbligo o verità è stato difatti un esplosione di risate e di cuore leggero, di sospiri per questi fratelli Winston, ciascuno intrigante e sopra le righe. E belli, barbuti, quasi tutti sporchi di grasso… Quale donna non vorrebbe sempre a portata di mano un meccanico?
Ma Obbligo o verità non finisce qui. Obbligo o verità è anche adrenalina e segreti. Persino motociclisti-nemici in pieno stile Sons of Anarchy: già sapete che adoro Sons of Anarchy, no?
Ecco, con un plot così denso di movimento, non potevo non appassionarmi alla serie Che barba l’amore!, proprio perché mescola quegli elementi romance che rendono le letture terribilmente piacevoli.
Insomma Obbligo o verità ha molta di quella carne al fuoco che vi sospingerà in direzione del secondo libro e del terzo e del quarto… perché Penny Reid è una scrittrice estrosa, divertente, che sa coinvolgere i lettori grazie ai suoi personaggi: personaggi che sono una bomba a mano di energia.
In poche parole, Obbligo o verità è un antidepressivo in carta e inchiostro!

 


 

Titolo: Obbligo o verità
Autore: Penny Reid
Editore: Always Publishing
Prezzo: € 5,99 – € 13,90
Pagine: 350

Jessica James, laureata da poco ma da sempre con la testa sulle spalle, è pronta a fare ritorno nella sua piccola città natale del Tennessee. Ad attenderla ci sarà la sua eterna cotta infantile, Beau Winston, il cui sorriso amichevole non ha mai smesso di farle cedere le ginocchia e annodare la lingua, ma soprattutto il suo avversario di sempre, Duane Winston, il gemello di Beau. Due uomini che potranno anche condividere lo stesso cognome e un viso dal fascino devastante, ma dove Beau è affabile ed estroverso, Duane è silenzioso e riflessivo. Complice un simpatico equivoco e un’interessante partita a Obbligo o verità, Jessica si ritroverà a chiedersi se dietro alla rivalità con Duane non si nasconda molto di più. Scoprire l’eterna e insaziabile cotta del gemello burbero la lascerà decisamente impreparata, per non parlare della scoperta delle sue mani bollenti, della sua bocca bollente, e del suo aspetto ancora più bollente. Se poi a questa gran confusione si aggiungono un gatto assassino, i guai con una banda di motociclisti e i sogni di una vita, quanto sarà disposta a rischiare una ragazza con la testa sulle spalle e il cuore sottochiave?

 


 

LASCIA IL TUO COMMENTO

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Potrebbero anche interessarti

Ecco altri articoli simili a quelli letti di recente!

error: