Sierra Burgess è una sfigata… ma anche no!

Le commedie adolescenziali, se fatte bene, mi piacciono da impazzire: infatti, quando su Netflix è finalmente approdato il film Sierra Burgess è una sfigata, non ho esitato un attimo e l’ho guardato.

E posso immediatamente dirvi che Sierra Burgess è una sfigata è un film adorabile!

 

Dopo la cocente delusione di The kissing booth, mi ero ripromessa di lasciar perdere per un po’ le commedie adolescenziali. Insomma, la leggerezza non mi dispiace, ma la leggerezza con una marcia in più. Quel tipo di leggerezza che Sierra Burgess è una sfigata possiede.
Sierra è una forza della natura. È brillante, solare, energica. Ed è anche bella, non secondo il canone di bellezza attuale, ma secondo il canone di bellezza di chi non è cieco come questa nostra generazione. Siamo più sfigati noi, legati a certi preconcetti, che lei. Lei, che si lancia in una piccola grande avventura senza pensarci più di tanto, dimostra una vagonata di coraggio: se un ragazzo avesse scritto a me, con la convinzione di star parlando con una figa spaziale, invece della normalissima Rosy, be’, non avrei più risposto. In verità, probabilmente, non avrei risposto nemmeno al suo primo SMS.
Quindi Sierra Burgess è una sfigata… ma anche no!
Sierra è una tipa tosta, un personaggio che non è il solito grissino ambulante, che prende la palla al balzo e s’innamora. Fa amicizia. Si mette in gioco. Commette qualche errore.
Dire che l’ho adorata è dir pochissimo. Ho ritrovato in lei la me adolescenza, le mie mille paranoie, e avrei voluto avere la sua forza emotiva e il suo carisma. La sua capacità di essere buona, però non sempliciotta, la sua capacità di diventare amica del “nemico” e di diventarlo con sincerità.
Ecco, il vero cuore di Sierra Burgess è una sfigata non è la classica storiella d’amore sentimentale, il suo vero cuore è l’amicizia.
Le scene tra Sierra e Veronica infatti sono piene di sfaccettature, di sentimento, qualcosa che ti massaggiano l’anima e ti fanno riflettere: perché l’apparenza è una maschera stronza che non ci permette di andare oltre.
La mia è una sorta di recensione scritta di pancia, scritta un’ora dopo la visione del film. Non so quando la leggerete e se la leggerete, so soltanto che spero di trasmettervi le farfalle che ho in questo momento nello stomaco, non per l’amore romantico ma per l’amore per se stessi e per gli altri. Quelli che ci supportano e ci sopportano, quell’amore che non viene mai a noia e dura nei ricordi, anche se il tempo passa e non può essere mandato indietro.


Sierra Burgess è una sfigata, per me, è consigliatissimo al cubo.

 


Anno: 2018
Durata: 105  minuti
Genere: commedia, scolastico, sentimentale

Sierra Burgess è una sfigata, diretto da Ian Samuels, è una commedia adolescenziale che mostra quanto la vita al liceo sia dura e la vita sentimentale ancora di più. Lo sa bene Sierra Burgess (Shannon Purser), una liceale intelligente e un po’ sfigata, vittima di uno scambio d’identità, quando il ragazzo più popolare della scuola, Jamey (Noah Centineo), inizia a scambiare messaggi con lei, credendola la cheerleader Veronica (Kristine Froseth). Sarà proprio a quest’ultima che Sierra chiederà aiuto per conquistare il giovane, stringendo un’inaspettata amicizia con la ragazza, sua nemesi, e cercando di trovare te stessa durante i duri anni del liceo.
(Trama tratta da ComingSoon)

 


 

LASCIA IL TUO COMMENTO

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Potrebbero anche interessarti

Ecco altri articoli simili a quelli letti di recente!

error: