Recensione: “Trent’anni e li dimostro” di Amabile Giusti

Cosa c’è di più fastidioso tra l’amare il proprio coinquilino che ti scambia per una pianta d’appartamento, e amare il proprio coinquilino che gorgheggia nella camera accanto con la tipa di turno?
Be’, è un vero dilemma. E Carlotta, quasi trentenne, non trova il bandolo di questa matassa arruffata (peggio dei riccioli d’acciaio che ha per capelli).

error: