Recensione in anteprima: “Un cattivo ragazzo come te”

Il momento esatto in cui decidi di mettere la testa a posto è il momento esatto nel quale i guai ti piombano addosso con il doppio delle conseguenze.
Sei lì, tutto indaffarato a rimettere in ordine la tua vita, quella maledetta vita che cerchi di combattere e non sai nemmeno il perché, e spunta l’imprevisto. Un imprevisto… impossibile?
E perdi quel poco di certezza che hai, quella misera e precaria stabilità che hai conquistato a suon di rinunce e autorecriminazione.
Questo è ciò che sta vivendo Tim Mason, diciassettenne scombinato, che frequenta già gli alcolisti anonimi, che vive in un piccolo appartamento sul garage di una casa sovraffollata di bambini e adolescenti, che ha una lista “particolare” appesa al frigo come monito.
Tim, in questo guazzabuglio di pasticci, porta con se Alice Garrett, la sorella maggiore del suo migliore amico.
Tra loro c’è elettricità, tante di quelle battutine e sorrisi, ma Alice è più grande di lui di un anno (e qualcosa in più?) e ha tanti pensieri per la testa: il padre infortunato, l’ennesimo fratellino/sorellina in arrivo, le bollette da pagare e i soldi che mancano

Due giovani adulti alle prese con le prime vere difficoltà. Due giovani adulti che si avvicinano, si respingono, si vogliono e si prendono, e dopo…?

 

Il nuovo romanzo di Huntley Fitzpatrick, autrice di Quello che c’è tra noi, libro autoconclusivo e precedente a Un cattivo ragazzo come te, è un romanzo piacevole.
Torniamo con Tim e Alice a casa Garrett e ci riabituiamo al suo caos, ai suoi ritmi, venendo del tutto coinvolti nei classici problemi di una famiglia numerosa.
La scrittrice, con uno stile lineare e pulito, in una prima persona d’impatto, ci fa ricordare in un nanosecondo quel che amiamo dei suoi libri: la spontaneità dei protagonisti, la realtà americana senza fronzoli, le lacrime e i sorrisi, i piccoli colpi di scena, la famiglia come nemico e amico.
Credo che Tim e Alice siano personaggi capaci di conquistare il lettore a “prima lettura”, senza dover forzare la mano, perché sono naturali e giovanissimi, ragazzi pieni di pensieri della loro età, ma con qualche responsabilità fin troppo adulta per loro.
Un cattivo ragazzo come te è un libro adatto alla stagione estiva, un libro di non difficile lettura. Forse però mi aspettavo qualcosa in più dalla Fitzpatrick, soprattutto per le basi gettate in Quello che c’è tra noi, ma non ne sono comunque delusa.
È stato delizioso ritrovarmi di nuovo tra le sue pagine, tra le sue parole, in compagnia di personaggi così scapestrati e testardi, senza perdere di vista il contesto, la famiglia Garrett che ho sempre adorato, soprattutto la piccola Patsy e il suo “tesòlo” rivolto di continuo a Tim.
Consiglio Un cattivo ragazzo come te? Direi di sì.
Un romanzo da mettere in valigia, da portare al mare o da leggere tra una pausa di studio e l’altra: leggero, ma non futile, con i giusti spunti per alleggerire la mente e riempire il cuore.

 


 
 

Titolo: Un cattivo ragazzo come te
Autore: Huntley Fitzpatrick
Editore: De Agostini
Prezzo: € 6,99 – € 14,90
Pagine: 392

DISPONIBILE DALL’11 LUGLIO

L’ultima cosa di cui una maniaca del controllo come Alice Garrett ha bisogno è un tipo come Tim Mason. Tim che è il migliore amico di suo fratello minore. Tim che attira i guai come una calamita. Tim che fiuta l’alcol anche bendato. Ma si sa, le cose non vanno sempre come si vorrebbe. Così, quando Tim si trasferisce nell’appartamento sopra il garage dei Garrett, Alice comincia a conoscerlo meglio. E capisce che dietro quella maschera da bad boy si nasconde un ragazzo che, dopo aver toccato il fondo, è pronto a tutto pur di cambiare. Anche a prendersi finalmente la responsabilità per il guaio che ha combinato un anno prima. Un guaio che Tim non ricorda nemmeno ma le cui conseguenze sono sotto gli occhi di tutti. Qualcosa di così scomodo che potrebbe mettere fine alla storia con Alice ancora prima che abbia inizio.

 


 

LASCIA IL TUO COMMENTO

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Potrebbero anche interessarti

Ecco altri articoli simili a quelli letti di recente!

error: